Inter, Moratti parla di scudetto e cessione. Poi avvisa: “non c’è bisogno di cambiare logo”

Le indicazioni di Massimo Moratti sull'Inter, a tenere banco è il presente ma anche il futuro. Gli aggiornamenti

L’Inter è reduce dalla bella vittoria in campionato contro la Juventus, il club nerazzurro è stato protagonista di una grande prova di forza contro una squadra sicuramente forte, adesso la pressione è tutta sulla spalle di Antonio Conte che dovrà provare a chiudere la stagione al primo posto, anche l’ex presidente Massimo Moratti è soddisfatto. A tenere banco è però anche il futuro societario, si continua a parlare con insistenza di un passaggio di proprietà. Nel frattempo Suning prepara una mezza rivoluzione che riguarderà anche nome e logo.

Moratta sulla situazione in casa Inter

moratti
Photo by Claudio Villa/Getty Images

L’ex presidente Massimo Moratti si aspetta traguardi molto importanti, è quanto riferito in un’intervista rilasciata a ‘TuttoSport’. “È una bella sensazione aver battuto i bianconeri, perché dà l’idea che la squadra è presente e che possa puntare a qualcosa di importante. La Juventus era senza dubbio la squadra che faceva più paura, senza sottovalutare il Milan”. 

Sul futuro: “Non ho mai pensato di riprendere l’Inter. Certi club hanno dimensioni che non possono più essere gestite da una sola persona. Zhang via? Se fosse così, mi spiacerebbe molto perchè sembrava che avessero tutte le caratteristiche giuste, che fosse una famiglia a condurre le danze con una capacità finanziaria notevole”. 

Su nome e logo: “Una volta eravamo in Austria per una partita di Coppa e c’era scritto sul tabellone ‘Inter Milan’. Parlai con i dirigenti della squadra avversaria chiedendo loro di togliere Milan e loro lo tolsero. Questo perché l’Inter è conosciuta come Inter, non c’è bisogno di una aggiunta di quel tipo”. 

Messi, è sempre più Psg. Leonardo: “abbiamo un posto riservato”