La perizia sulla morte di Maradona: “cure inadeguate, carenti e imprudenti”

Tutti i nuovi dettagli su Diego Armando Maradona. E' stata pubblicata la perizia sulla morte dell'ex Pibe de Oro

Arrivano nuovi aggiornamenti sulla morte di Diego Armando Maradona. L’ex Pibe de Oro “avrebbe avuto più chance di sopravvivere” se avesse goduto di un “ricovero adeguato” e non avesse ricevuto le cure “inadeguate, carenti e imprudenti” dei suoi medici personali. E’ questo l’esito della perizia realizzata in Argentina.

“Sebbene sarebbe controfattuale affermare che DAM (Diego Armando Maradona, ndr.) non sarebbe deceduto se avesse goduto di un ricovero adeguato, tenendo in conto il quadro documentato nei giorni precedenti alla morte, in un centro assistenziale polivalente e ricevendo una cura concorde con le buone pratiche mediche, concordiamo che avrebbe avuto più chances di sopravvivere”, si legge nella prima conclusione.

Si legge, inoltre, che ai medici “si presentò chiaramente la possibilità del risultato fatale” e che questi si dimostrarono “indifferenti alla questione, non modificando le loro condotte” e “abbandonando ‘alla sorte’ lo stato di salute del paziente”.

Si conclude che Maradona “NON godeva del pieno utilizzo delle proprie facoltà mentali” e che quindi non fosse “in condizioni per prendere decisioni riguardo il proprio stato di salute”.