Milan, bollettino di guerra dall’infermeria: 25 infortuni, chi gioca contro il Frosinone?

Gli infortuni in casa Milan fioccano partita dopo partita: sono già 25 in stagione, contro il Frosinone è piena emergenza

CalcioWeb

Importante recupero difensivo, poi lo scatto che si arresta, mano sulla coscia e smorfia di dolore. Eccone un altro. In casa Milan si ferma anche Thiaw al termine di un’ottima prova contro il Borussia Dortmund e la sua uscita permette ai tedeschi di sbancare 1-3 San Siro e complicare enormemente il cammino in Champions League dei rossoneri.

Bollettino di guerra Milan: 25 infortuni stagionali

Aggiungendo l’infortunio di Malick Thiaw al computo degli stop stagionali, l’infermeria del Milan conta ben 25 ko, 18 dei quali di natura muscolare. Le partite saltate in tutte le competizioni dai calciatori finiti in infermeria sono, nel complesso, 89.

Ieri nella panchina del Milan figuravano: i giovani Nava (P) Bartesaghi e Chake Traore della primavera; Mirante (P), Florenzi, Pobega, Krunic e Jovic. Pioli ha effettuato solo 3 cambi su 5 disponibili: Krunic adattato in difesa, il baby Traore per Chukwueze e Jovic per Giroud.

Hanno assistito dalla tribuna: Leao, Bennacer, Kalulu, Kjaer, Okafor, Pellegrino, Sportiello e Caladara. Con loro anche Musah (squalificato). Un’intera squadra in infermeria e una panchina dalla quale è complicato pescare jolly in grado di cambiare la partita.

Frosinone-Milan: difesa rossonera da reinventare

La difesa del Milan è in piena emergenza. Sia contro la Fiorentina che contro il Borussia Dortmund, Pioli ha dovuto schierare Rade Krunic, che nei suoi anni al Milan ha ricoperto praticamente ogni ruolo di movimento possibile, da centrale sia a 3 che a 4. Contro il Frosinone mancheranno: Thiaw, Kjaer, Kalulu, Pellegrino e Caldara. Ben 5 difensori su 6.

L’allenatore rossonero dovrà inventarsi qualcosa: affidarsi ancora a Krunic; spostare Calabria al centro e inserire Florenzi a destra; lanciare dal primo minuto Jan-Carlo Simic della primavera. Un problema che si ripeterà, tristemente, per diverse partite in futuro e rischia di costare al Milan un tributo in punti persi davvero pesante.

Condividi