L’ultimo saluto a Gigi Riva: le lacrime di Buffon e due maglie numero 11 sul feretro | FOTO

Emozioni e lacrime all'ultimo saluto di Gigi Riva: è andato in scena il funerale dell'ex calciatore

  • funerale Gigi Riva
    Foto di Fabio Murru / Ansa
  • funerale Gigi Riva
    Foto di Fabio Murru / Ansa
  • funerale Gigi Riva
  • funerale Gigi Riva
  • funerale Gigi Riva
  • funerale Gigi Riva
  • funerale Gigi Riva
/
CalcioWeb

E’ andato in scena l’ultimo saluto a Gigi Riva, ex calciatore di Cagliari e Nazionale italiana, morto all’età di 79 anni dopo un iniziale malore. Migliaia di persone si sono messe in coda, per oltre un chilometro, per omaggiare non solo il grande calciatore ma anche l’uomo. Alle 13:00 si è chiusa la camera ardente ed il feretro è stato trasferito nella Basilica di Nostra Signora di Bonaria per il funerale. Alla celebrazione hanno partecipato anche i vertici della Figc e il ministro dello sport, il Cagliari Calcio ma anche altri calciatori e allenatori. Bandiere dell’Italia, d’Europa e della Figc sono state esposte a mezz’asta davanti alla sede della Federcalcio.

Le parole di Spalletti e Malagò

“Eroi come Riva non smetteranno mai di esserci vicini: lui aveva questa grande qualità di essere umile e perbene. Aveva la caratteristica di essere un protagonista senza voler attrarre i riflettori su di sè. Per lui erano importanti i suoi cari, gli amici. Emblematico il comportamento dopo la vittoria del mondiale: lui si eclissa per lasciare la luce agli altri”. Sono le dichiarazioni di Luciano Spalletti, Ct della Nazionale italiana. “Il soprannome dice molto: il suo tiro e il suo valore morale facevano più rumore delle sue parole”.

Parla anche Malagò: “oggettivamente faccio fatica a trovare qualcuno che, nel mondo dello sport, sia stato più integerrimo di lui da tutti i punti di vista. Poi qualcuno dice ‘erano altri tempi’, ma io penso che lui oggi, ma anche tra mille anni, sarebbe stato comunque così”. E’ quanto dichiarato dal presidente del Coni all’uscita della camera ardente. “Lui è patrimonio del mondo del calcio ma anche dello sport italiano, rimarrà qui in Sardegna e credo che diventerà un luogo di pellegrinaggio”. 

Le parole di Zola

“Non ci sono parole per descrivere personaggi come Riva, un riferimento per tutti noi, per il suo comportamento in campo e fuori”. E’ il commento commosso di Gianfranco Zola. “Come fai a non apprezzare le sue qualità, abbiamo imparato molto da persone come lui. E’ giusto riconoscere e dare il valore che merita Riva”, conclude l’ex calciatore.

Il funerale di Gigi Riva

Qualche decina di migliaia di persone si sono presentate a Cagliari per l’ultimo saluto a Gigi Riva. Prima l’ovazione per l’arrivo del feretro, poi per l’arrivo del Cagliari calcio. In prima fila Claudio Ranieri e Tommaso Giulini, rispettivamente allenatore e presidente del Cagliari. Poi altri dirigenti e la squadra.

Presente tutta la delegazione dell’Italia campione del mondo del 2006. In lacrime Gigi Buffon. Una sciarpata ha salutato l’arrivo della salma, poi bandiere e striscioni. Allestiti due maxischermi all’esterno della Basilica. Apposte sul feretro due maglie numero 11.

Condividi