Gerrard – Real: il matrimonio s’ha da fare?

Steven Gerrard si è sempre distinto per due cose: la classe sul campo da gioco e l’equilibrio fuori, sia nel quotidiano che al momento di rilasciare dichiarazioni. Difficile sentire, dalla sua bocca, frasi ad effetto, polemiche, o allusioni di mercato. Ecco perchè le ultime parole del centrocampista del Liverpool destano un certo effetto.

Parole con cui il Capitano dei “reds” non nasconde il sogno di essere allenato, un giorno, da Josè Mourinho. Ecco, in sintesi, il pensiero di Gerrard: “Un giorno vorrei poter essere un calciatore di Mourinho. Ci andai vicinissimo due volte, quando lui allenava il Chelsea. Ci ho pensato per bene, ma alla fine scelsi di restare a Liverpool. Anche quando è approdato al Real Madrid mi ha chiamato, dicendomi di raggiungerlo, ma poi ho visto parecchi miei colleghi che per andare a giocare lì o al Barcellona hanno fatto un sacco di casini, ed io non sono fatto così“.

La domanda che in Inghilterra si sono posti è la seguente: Gerrard andrà via da Liverpool per abbracciare l’amato “Special One”, o rimarrà fedele, fino agli ultimi giorni di carriera, alla causa dei “reds”.? Domanda lecita, anche perchè il tempo stringe, gli anni passano, e la prossima estate potrebbe essere l’ultima utile per un passaggio del trentaduenne Gerrard al Real Madrid. Sempre che JM ne resti l’allenatore, ovviamente…