Moggi ‘ridimensiona’ il Napoli: “Mediocre contro le riserve della Juve…”

  • Moggi (LaPresse/Spada)
  • NOTIZIE DEL GIORNO
    Moggi (Foto Vincenzo Livieri - LaPresse)
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • Lemina (LaPresse/Daniele Badolato)
  • Khedira (LaPresse/Daniele Badolato)
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • Higuain (LaPresse/Gerardo Cafaro)
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
  • LaPresse/Gerardo Cafaro
/
CalcioWeb

Nel suo consueto editoriale su ‘Libero’, Luciano Moggi ha detto la sua sulla prima sfida tra Napoli e Juventus, terminata sul punteggio di 1-1. L’ex direttore generale bianconero ha innanzitutto sottolineato la correttezza dei tifosi e dei giocatori in campo: «Nonostante gli sforzi di chi voleva avvelenare Napoli- Juve, la partita più chiacchierata di tutto il campionato è stata correttissima, quasi alla “volemose bene” da parte di tutti i 22 in campo, con grandi abbracci alla fine tra Mertens e Higuain”.

Moggi ha poi ‘ridimensionato’ il Napoli dando una chiave di lettura diversa della gara: “Non è stata certamente la Signora migliore: Mandzukic andato già malconcio in campo, Dybala in panchina per evitare altri guai muscolari, Barzagli fuori, Lemina titolare, Alex Sandro fuori per turnover. Una squadra veramente irriconoscibile, almeno questo è quanto dicono a Napoli, nessuno però si interroga sul perché il Napoli non sia allora riuscito a prevalere contro un avversario tanto debole. Non c’è nessuno che abbia voluto spiegare le vere cause che sono state sin troppo evidenti: giro palla troppo lento, ritmi napoletani troppo bassi per impensierire la difesa bianconera. Di sicuro domani il Napoli troverà una Juve diversa per la semifinale di ritorno di Coppa Italia”.

Condividi