Jovic, parla il padre: “Se ha davvero sbagliato che vada in carcere, ma sta passando per criminale”

Il padre dell'attaccante del Real Madrid Luka Jovic, Milan, parla del figlio e delle accuse rivolte dopo il rientro in Serbia

Luka Jovic, attaccante del Real Madrid, nei giorni scorsi è stato accusato dai media serbi per aver violato la quarantena imposta a tutti i calciatori del club per l’emergenza Coronavirus. Successivamente, il calciatore ha chiarito di essere rientrato in patria ma rimanendo isolato in casa. A parlare di questo è il padre, Milan, ai microfoni di Puls Online.

Carcere? Se lo merita per davvero, allora ce lo mandino. Stanno facendo passare mio figlio per un criminale. Appena arrivato a Belgrado, Luka è andato nel suo appartamento ed era convinto del fatto che – dopo aver fatto due tamponi ed essere risultato negativo – potesse lasciare il paese senza alcun problema. Lo stanno facendo passare per un criminale. Se, in virtù di ciò, è da ritenersi comunque colpevole, allora rispetteremo le decisioni delle autorità competenti. Ci sono alcune foto, che circolano online da un po’ di giorni, in cui si vede Luka che si diverte durante il periodo di isolamento. Sono state scattate in Spagna, sono vecchie, lui è tornato in Serbia con il solo obiettivo di passare un po’ di tempo insieme alla sua famiglia”.