Materazzi contro tutti: “Odio la Juve, a Balotelli dovevo menare”. Che frecciate a Ibrahimovic e Benitez!

Marco Materazzi senza filtri. L'ex difensore ne ha per tutti: "Odio la Juve, a Balotelli le davo. Se ripenso a Gresko...". Frecciate a Ibra e Benitez

L’ex difensore dell’Inter Marco Materazzi ne ha per tutti. Dalla Juventus a Balotelli, passando per Ibrahimovic, Rafa Benitez e Gresko e quel famoso 5 maggio. Intervenuto in una diretta Instagram assieme all’ex compagno Sebastien Frey, Matrix ha raccontato alcuni aneddoti: “Quanto odio la Juve sportivamente? Tantissimo, solo sportivamente. Balotelli? E’ il numero uno, bravissimo ragazzo, ma ogni tanto dovevo dargliele: si presentò coi calzini del Milan. Lo dovevo picchiare, ma gli voglio bene. Non è una merda, è bravo, un bambinone. Il primo allenamento con noi ha provato a farmi tunnel, non è riuscito a passare: io e Cordoba gli abbiamo dato il ben servito”.

Si riavvolge poi il nastro e si ricorda quel 5 maggio 2002: “Rigiocherei. Gresko? Stavamo uscendo dallo stadio e lui dice ‘perché sono arrabbiati?’ Di Biagio lo guarda malissimo, e Gresko disse che era già la terza-quarta volta. Un anno perse scudetto, finale di Champions League e supercoppa tedesca“. Infine le frecciate a due ‘nemici’ come Ibrahimovic e Benitez: “Ibra è fortissimo, ma non al livello di Messi e Ronaldo”. E sull’allenatore spagnolo: “Dicevano che io ce l’avessi con chi è venuto dopo Mourinho, ma non avevo rapporto perché non era coerente. Fu difficile succedergli, ma se fosse a copiarlo un po’ come fece Leonardo magari riesci a vincere lo scudetto. Leo non fece fatto altro che un copia-incolla di ciò che si faceva prima di quei sei mesi: quella è intelligenza”.

Bambino vuole i capelli come quelli di Ronaldo (il portoghese), ma il padre è un fan del “Fenomeno” e la combina grossa: il VIDEO fa il giro del web

“Bevevo grappa, fumavo 25 sigarette al giorno. Lo sport mi ha salvato”: l’ex attaccante italiano si confessa

“Quando dissi a Montero: ‘torna a fare tardi nei locali, altrimenti non giochi più”. I retroscena alla Juve