Dossena: “Storia moglie Mancini? Ecco come stanno le cose”, poi le battute su Ferrero e sulla cessione

L'ex calciatore Giuseppe Dossena ha parlato del momento attuale della Samp tra campo, mercato e cessione. Poi la battuta su Mancini...

“Ritengo che chi stava per comprare la Sampdoria abbia sottovalutato Ferrero e forse lo ha messo troppo presto al muro, ma sono mie sensazioni. Sul piano della gestione della comunicazione qualcosa è stato sbagliato”. Inizia così l’intervista di Sampnews24 a Giuseppe Dossena. “Gli americani hanno tenuto poco conto dell’interlocutore, che qualche volta dev’essere coccolato e rassicurato per ottenere ciò che si vuole. La loro fretta di chiudere, forse perché interessati relativamente, ha fatto perdere di vista l’obiettivo. Vialli avrebbe avuto il profilo adatto per ricoprire una carica del genere”.

Poi l’attenzione si sposta anche su Ferrero: “Direi che il rapporto ormai è bruciato completamente. A me personalmente non ha dato fastidio quando ha detto che la Sampdoria prima di lui era conosciuta da Recco a Chiavari. L’ho presa come una battuta, ma poi basta ricordarsi un po’ di storia della Samp per provare che non è così. Qualche volta, o forse un po’ troppo spesso, le esternazioni sopra le righe ci sono state. Ha portato la squadra a un buon livello sul piano dei risultati sportivi ed economici, bisogna valutarlo per quello che è stata la sua attività sul campo. Da fuori capisco e mi rendo conto che con i tifosi non c’è speranza di recuperare il rapporto. Tuttavia, non mi sembra che lui ne faccia un dramma o lo turbi più di tanto, anche se immagino non gli faccia piacere sentirsi chiamato in causa dagli spalti del ‘Ferraris’ ogni domenica”.

Infine, una battuta su Mancini: “Se ho mai chiarito con lui per la storia del presunto tradimento? Io con Roberto ci parlo, lo vedo e nessuno deve spiegare niente a nessuno. Ciò che è uscito è un’invenzione bella e buona, punto. Ma se alla gente piace credere a queste cose che continuino pure a farlo. Nonostante tutto, quello che è uscito non ha incrinato nulla del nostro rapporto”.