Mihajlovic e la malattia: “Mi sento molto forte, il peggio è passato”

Le parole del tecnico del Bologna Mihajlovic, testimonial della campagna 'Con Sinisa per la ricerca': l'allenatore parla della malattia

Mi sento più forte di prima anche nelle cose che faccio, sono molto contento. Grazie al mio fisico ma soprattutto grazie ai medici che mi hanno seguito in maniera meravigliosa e senza sbagliare un colpo. Sto molto bene, ormai sono passati quasi sette mesi dal trapianto. Il peggio dovrebbe essere passato. Poi ci vuole un anno prima che si possa ritornare alla normalità, ma anche questo dipende da persona a persona. Io è già da due mesi che faccio dieci chilometri di corsa, alzo i pesi. L’importante è fare ciò che ci si sente. Ci sono stati momenti dove io mi sentivo stanco, all’inizio, poi piano piano mi sono ripreso. L’importante è non esagerare e non fare l’eroe”. Parole dell’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic, testimonial della campagna ‘Con Sinisa per la ricerca’, a sostegno dei giovani ricercatori dell’istituto di Ematologia Seragnoli del Policlinico Sant’Orsola. L’obiettivo dell’Istituto è  di riuscire a raccogliere, tramite una raccolta fondi, 100 mila euro per finanziare il percorso di 4 giovani ricercatori.

Mihajlovic, il ‘maestro’ delle punizioni: il tecnico del Bologna si conferma un cecchino [VIDEO]

Viktorija Mihajlovic racconta la malattia del padre: “In ospedale sembrava mio nonno, ora sta meglio”