Alta tensione Roma, tutti contro Zaniolo: lite con i leader giallorossi

Nicolò Zaniolo nel mirino dei calciatori della Roma. Il giovane centrocampista è stato attaccato prima da Mancini, poi da Fonseca e dai leader giallorossi

La Roma si è risollevata grazie alle tre vittorie consecutive ottenute contro Parma, Brescia e Verona. Ma i giallorossi devono fare i conti con la grana Zaniolo. Un rimprovero di Mancini nel finale della gara contro gli scaligeri, poi le parole di Fonseca che non ha gradito l’atteggiamento con il quale è entrato il giovane centrocampista. Ma non solo a quanto pare. Come riporta il ‘Corriere dello Sport’ ci sarebbe stata una lite nel tunnel degli spogliatoi anche con i leader giallorossi. Tra i più fumantini Aleksandar Kolarov, che ha preso le difese di Mancini come Veretout.

E Zaniolo non l’ha presa bene, anzi. Si è sfogato con gli amici già nella notte dopo la gara. Ma dietro tutto questo e le parole di Fonseca potrebbe esserci dell’altro. Le difficoltà economiche della Roma sono note a tutti e qualche cessione eccellente sarà inevitabile. Guido Fienga ha sottolineato che Zaniolo è un patrimonio della società e non verrà messo sul mercato. Ecco che il tutto è immediatamente rientrato con Zaniolo che si è trasferito a Casal Palocco, dove abitano quasi tutti i compagni che mercoledì lo hanno rimproverato. Segnali di distensione dopo cose che in campo succedono.