Il presidente del Manchester City a tutto campo: il mercato, Guardiola e Aguero

Il presidente Khaldoon al-Mubarak ha fornito indicazioni sul futuro del club dopo l'ultima deludente stagione, dal mercato a Guardiola

La stagione in casa Manchester City non è stata di certo positiva. In campionato ha dovuto fare i conti con il dominio del Liverpool, in Champions con la deludente eliminazione contro il Lione. Adesso si sta programmando il futuro, con l’intenzione di tornare competitivi. Intervistato dal portale ufficiale del Manchester City, il presidente Khaldoon al-Mubarak ha fornito indicazioni. “Ci sono altri giocatori che acquisteremo e ci atterremo al piano ovviamente all’interno delle realtà del mercato in cui viviamo oggi. La mia posizione è chiara: non abbiamo una visione annuale, ma una visione a 3/5/10 anni e quando guardiamo ai cambiamenti o ai miglioramenti che dobbiamo apportare a questa squadra, li faremo. Ake e Ferran Torres, ci siamo mossi velocemente perché erano nostri obiettivi”.

GUARDIOLA“Pep e io abbiamo in comune che odiamo perdere. Condividiamo quella delusione. Quando si parla di coppa poi è sempre impegnativo, si riduce tutto a una partita”.

AGUERO“Sergio resterà qua senza alcun dubbio. Ho letto tante voci sul suo possibile addio, ma per me sono tutte ridicole. Aguero è fra i migliori giocatori del mondo e noi siamo una squadra che ha l’ambizione di vincere tutte i trofei in cui è impegnata. Per questo avere in squadra Aguero è un dovere e per me non ci sono assolutamente dubbi”.