Serie A, tre allenatori con l’acqua alla gola: Giampaolo, Gotti e Stroppa non possono sbagliare

L'ultima giornata del campionato di Serie A ha fornito nuove indicazioni soprattutto per la zona bassa della classifica, allenatori a rischio

E’ già il momento dei bilanci dopo la sesta giornata del campionato di Serie A. Non sono mancate le sorprese in vetta ma anche in coda, la situazione più calda è quella per evitare la retrocessione. Sono tre gli allenatori che devono dare delle risposte a partire dalla prossima giornata, non sono da escludere già dei ribaltoni in panchina. Ecco la situazione nel dettaglio.

TORINO 1 PUNTO – E’ la grande delusione di questo inizio di stagione, il club granata è ormai da mesi che sta attraversando un periodo nero, iniziato dopo il lockdown. Per il momento il cambio di allenatore non ha portato gli effetti sperati, Giampaolo è in crisi. La squadra è sfortunata (come dimostra la partita di ieri contro la Lazio) ma è anche fragile. E’ vero che il calendario non è stato dei più semplici, ma adesso è arrivato il momento di risollevarsi: due partite per decidere il futuro dell’ex Milan, mercoledì contro il Genoa e poi lo scontro diretto contro il Crotone.

CROTONE 1 PUNTO – Proprio il club calabrese è preoccupato. E’ arrivato un punto in classifica, indovinato contro quale squadra? La Juventus. Può sembrare già un’impresa, ma l’ultimo posto deve fare riflettere. Per il momento il tecnico Stroppa non rischia l’esonero perché ha molte attenuanti: sta allenando una neopromossa che non è partita con grandi ambizioni, ma soprattutto perché il calendario è stato da brividi. Anche in questo caso approfondimenti nelle prossime due partite contro Torino e Lazio.

UDINESE 3 PUNTI – La situazione non è compromessa, anzi. Il quartultimo posto è ancora vicino, ma fino al momento è stato raccolto molto poco. Dopo tante stagioni di anonimato la dirigenza si è mossa bene sul fronte del mercato e la qualità è aumentata tantissimo. Anche nella partita di ieri contro il Milan ha dimostrato di potersela giocare alla pari con tutte le squadre, può contare su un calciatore che rappresenta un lusso come De Paul, in grado di fare la differenza anche Deulofeu e Pereyra, anche Okaka è un buon attaccante. Il calendario non aiuta con la sfida contro il sorprendente Sassuolo, ma contro il Genoa non saranno concessi passi falsi.

Dovrà dare delle risposte anche Beppe Iachini per salvare la panchina della Fiorentina, le ambizioni del club viola sono molto più importanti del rendimento che la squadra sta mettendo in mostra.