Il Milan su Thauvin, il Marsiglia sbotta: “sono irrispettosi e fuori luogo”

Il Marsiglia non le manda a dire, nel mirino è finito il Milan per aver contattato l'attaccante Thauvin

Florian Thauvin ha dimostrato di essere un calciatore di altissimo livello ed in grado di fare la differenza in tantissime squadre in Europa. E’ un chiaro obiettivo del Milan, un pupillo del club rossonero già da diverso tempo. Adesso potrebbe diventare una vera e propria occasione di mercato, il francese è infatti in scadenza di contratto nel 2021 con il Marsiglia e l’accordo non è stato ancora raggiunto. Il futuro potrebbe essere in Serie A, per caratteristiche è un calciatore funzionale al gioco delle squadre italiane.

Chi è Thauvin

Thauvin
Thauvin (Photo by David Ramos/Getty Images)

Si tratta di un calciatore francese, classe 1993 protagonista anche con la maglia della Nazionale che si è laureata campione del mondo nel 2018. E’ un mancino naturale che gioca prevalentemente sulla destra, ma può rendersi molto pericoloso anche sull’altra fascia, può essere impiegato anche nel ruolo di trequartista. Inizia la carriera al Grenoble, ma l’esperienza che lo lancia nel calcio è quella con il Bastia. Si mette in mostra tanto da attirare le attenzioni del Marsiglia. Passa al Newcastle Utd prima di tornare nuovamente in Francia. Si è confermato come uno dei migliori, è sempre pericoloso anche in fase realizzativa. E’ bravo a saltare l’uomo ed in fase di ripartenza.

Le accuse al Milan

Il Milan ha ammesso l’interesse per Thauvin. Le parole di Paolo Maldini sono state molto chiare: “ci interessa anche per la sua situazione contrattuale”. Le frasi non sono andate giù a Pablo Longoria, CFO del club francese che ha deciso di sbottare a Telefoot: “siamo a contatto per il rinnovo, ma è difficile. Le parole di Maldini poi hanno complicato la situazione, sono stati irrispettosi”.

Furioso anche l’allenatore Villas Boas: “è in scadenza di contratto e dunque un affare di mercato per molti. Le parole di Maldini però sono un po’ fuori luogo. Non è stato gentile nei nostri confronti. Ma tanto lui è Maldini, può dire quello che vuole…”