La storia di Cherif Karamoko, il calciatore scappato dall’Africa e salvato in mare

Cherif Karamoko è un calciatore che si candida ad essere protagonista. La sua vita non è stata facile, è scappato dalla guerra

La storia del calciatore Cherif Karamoko ha commosso il mondo del calcio. Il calciatore ha lasciato la sua casa in Africa per scappare dalla guerra e provare a diventare protagonista in Europa come giocatore. Il 20enne ha rischiato la vita: il barcone su cui viaggiava è affondato e il fratello è morto. L’episodio ha ovviamente sconvolto la sua vita, successivamente sono arrivate anche delle gioie proprio grazie alla sua professione. E’ considerato un calciatore di grande prospettiva ed in grado di fare la differenza nel calcio italiano. Le prossime stagioni saranno fondamentali per dimostrato tutte le qualità.

Chi è Cherif Karamoko

KaramokoCherif Karamoko è nato a Conakry, in Guinea, il 3 maggio del 2000. Dopo aver perso i genitori è scappato dalla guerra insieme al fratello. Il calciatore ha raccontato di avere subito le torture in Libia, prima di decidere di salire a bordo di un’imbarcazione che conteneva più persone rispetto alla capienza, si è ribaltata ed il fratello è morto. Si tratta di un centrocampista di destra che ama giocare principalmente sulla fascia. La prima esperienza è stata con l’Under 19 del Padova, poi l’avventura con la maglia dell’Adriese prima di tornare al Padova. Al momento non può giocare a calcio perché il suo permesso di soggiorno è scaduto.