Juventus, è Morata l’uomo in più: così i bianconeri possono ribaltare il Porto

La Juventus è stata protagonista contro la Lazio. Adesso testa al Porto, con l'intenzione di ribaltare il risultato dell'andata

La Juventus è stata protagonista di una grande partita nella sfida della 26esima giornata del campionato di Serie A, i bianconeri hanno vinto in rimonta con il risultato di 3-1 contro la Lazio. La squadra di Andrea Pirlo ha dimostrato di essere ancora pienamente in corsa per la vittoria dello scudetto, saranno fondamentali le prossime partite ma anche il percorso in Champions League. Un difetto della squadra è quello di essere troppo altalenante, anche nell’arco della stessa partita. E’ successo anche contro la Lazio, come confermato anche dall’allenatore bianconero i primi 20 minuti sono stati veramente deludenti, l’errore di Kulusevski ha spianato la strada al gol di Correa.

Poi si è registrata la reazione da grande squadra, a partire dal sorprendente pareggio di Rabiot. L’ex Psg è un calciatore internazionale ma il rendimento con la maglia bianconera non è stato di certo positivo, le sue caratteristiche sono fondamentali per il gioco di Andrea Pirlo. Poi è salito in cattedra Alvaro Morata, lo spagnolo è stato autore di una doppietta, bellissimo il primo gol in contropiede.

L’importanza di Alvaro Morata

Morata
Foto di Alessandro Di Marco / Ansa

Alvaro Morata è un calciatore fondamentale per la Juventus, in alcuni casi anche più di Cristiano Ronaldo. E’ l’unico della squadra che riesce ad attaccare la porta con una certa pericolosità, è la spalla ideale di CR7 considerando i problemi di Dybala. E’ anche uno dei migliori per quanto riguarda il fiuto del gol, ‘vede’ la porta veramente come pochi. E’ arrivato tra lo scetticismo di tifosi e addetti ai lavori, nel giro di poche partite è riuscito a smentire tutti con gol e grandissime prestazioni. E’ stato limitato da un virus nelle ultime partite, ma si candida ad essere il valore aggiunto fino al termine della stagione.

Come ribaltare il Porto

Cristiano Ronaldo
Foto di Alessandro Di Marco / Ansa

La Juventus adesso sta già pensando alla sfida di ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Porto. I bianconeri devono ribaltare il risultato dell’andata (2-1) e possono sicuramente superare il turno contro una squadra nettamente inferiore dal punto di vista tecnico. Ma dovrà cambiare atteggiamento e provare ad imporsi già dal primo minuto. La chiave del match è chiara, sarà fondamentale il lavoro di Chiesa, veramente strepitoso anche contro la Lazio. E ovviamente Cristiano Ronaldo e Morata dovranno prendere per mano la squadra, già in fase di non possesso per mettere in difficoltà gli avversari. Un ruolo molto importante dovrà svolgerlo anche Cuadrado, la sua spinta sulla fascia può creare superiorità numerica. La Juventus non dovrà pensare di gestire il gioco, ma dimostrarsi subito superiore. C’è in gioco la stagione, forse anche il futuro di Pirlo.