Roma, involuzione preoccupante: i 4 motivi e tutti i responsabili

Il rendimento della Roma in stagione è al di sotto delle aspettative: i motivi della preoccupante involuzione della squadra

CalcioWeb

La stagione della Roma è al momento ben al di sotto delle aspettative dal punto di vista tecnico, fisico e dei risultati. La squadra di José Mourinho occupa addirittura la settima posizione nel campionato di Serie A e rischia di chiudere la stagione fuori dalla zona Europa. In Coppa Italia è arrivata una soffertissima qualificazione ai quarti di finale contro la Cremonese, una squadra del campionato di Serie B. In Europa League ha chiuso la fase a gironi al secondo posto alle spalle dello Slavia Praga e dovrà passare dagli spareggi per staccare il pass degli ottavi.

Roma, i 4 motivi dell’involuzione

  • Dirigenza e campagna acquisti

Uno dei principali fattori che ha influenzato il rendimento della stagione è stata la gestione della dirigenza e la campagna acquisti orchestrata dal dirigente Tiago Pinto. La dirigenza ha effettuato acquisti che, pur essendo di un certo curriculum, non sono stati in grado di integrarsi rapidamente nella nuova realtà e nel calcio italiano. Inoltre, l’arrivo di calciatori che sono stati alle prese con problemi fisici ha limitato ulteriormente le opzioni di Jose Mourinho in termini di formazione e rotazioni in tre competizioni.

Tiago Pinto
Foto Ansa

Nel mirino è finito anche e soprattutto Tiago Pinto, sempre più spalle al muro e al passo d’addio nei prossimi mesi. Arrivato nel 2021 nella Capitale, il portoghese ha sbagliato tante scelte: da Reynolds a Vina, da Shomurodov a Maitland-Niles, da Solbakken a Renato Sanches. Senza considerare altri calciatori dal rendimento molto basso.

  • Le prestazioni dei calciatori

Alcuni dei calciatori chiave della Roma non sono riusciti a tirare fuori prestazioni all’altezza. Solo attaccanti come Paulo Dybala e Romelu Lukaku hanno dimostrato una certa continuità di prestazioni ad alto livello. Tanti elementi del centrocampo e della difesa hanno mostrato incostanza nelle loro prestazioni ed una condizione fisica preoccupante. Calciatori con un certo curriculum come Aouar, Renato Sanches, Pellegrini, Belotti e Spinazzola sono stati messi sotto accusa dallo stesso Mourinho.

  • Mourinho e la tattica

L’arrivo di Jose Mourinho alla guida della Roma era stato accolto con grandi aspettative. Lo Special One è noto per la sua difesa solida e il suo calcio pragmatico, ma la Roma sembra ancora una squadra in grossa difficoltà in fase di costruzione del gioco. L’organico presenta evidenti lacune, ma non è così lontano dalle dirette rivali. E’ probabilmente inferiore a squadre come Inter, Juventus e Napoli, forse allo stesso livello del Milan e dell’Atalanta e nettamente più forte di Fiorentina e Bologna, attualmente in una posizione di classifica privilegiata rispetto ai giallorossi.

Mourinho
Foto di Martial Trezzini / Ansa

Il percorso di Mourinho alla Roma è stato ‘salvato’ dalla vittoria della Conference League e dalla finale di Europa League, per il resto l’esperienza in giallorosso ha regalato poche soddisfazioni e un rendimento al di sotto delle aspettative. Il portoghese è bravo a creare un rapporto fantastico con i tifosi e scaricare la pressione nei momenti difficili in stagione. E’ successo tante volte negli ultimi mesi e anche nel post-partita di Coppa Italia contro la Cremonese.

  • Infortuni e preparazione fisica

Infine, uno dei problemi più ricorrenti è stato il numero e la gravità degli infortuni subiti dai calciatori della Roma. I continui problemi fisici hanno ostacolato la continuità ed i continui cambi di formazione attuati dallo Special One non hanno favorito la regolarità di prestazioni. La preparazione fisica dello staff medico e tecnico è già oggetto di riflessione e non sono da escludere decisioni forti.

Condividi