Problema Pato: il Corinthians si offre di “risolverlo”

Da due anni a questa parte, per Pato non c’è stata pace. Colpa soprattutto dell’infinita sequela di infortuni divenuti oramai una triste costante nella carriera del brasiliano. Come non bastasse, ci si è messo lo stesso calciatore che, nell’immediato post partita di Champions contro l’Anderlecht, ha ben pensato di esternare tutto il malumore, rendendo nota al pubblico la volontà di giocare di più.

In tutta risposta, seppur non con tono di ripicca, è arrivata la presa di posizione di Berlusconi, che ha letteralmente parlato di un problema Pato. E se a dirlo è colui che ne ha bloccato la cessione oramai conclusa, lo scorso gennaio, al Paris Saint Germain, vuol dire che qualcosa che non quadra c’è sicuramente.

Ed in effetti, Galliani, Pato, ed il procuratore del calciatore, Gilmar Veloz, si vedranno a breve per fare il punto della situazione. La strada della cessione sembra quella maggiormente percorribile. Rimane da vedere se si andrà verso una separazione definitiva o se piuttosto si opterà per un prestito.

Difficile ipotizzare la prima situazione, visto che, ad oggi, il mercato del “Papero” è ben lontano dalle quotazioni di un anno addietro. I continui infortuni hanno fatto crollare il costo del suo cartellino, motivo per il quale un prestito semestrale parrebbe soluzione preferibile. E qui entra in gioco il Corinthians, che vorrebbe riportare Pato in Brasile per farne una stella della prossima Libertadores. Di certo, al momento, non c’è nulla, ma l’approdo al “Timao”, nel caso in cui le strade di Pato e del Milan dovessero dividersi, sembra essere la soluzione più praticabile.