Nuovo Milan, Berlusconi verso il sì alla presidenza onoraria: ecco come sarà il nuovo Cda

  • Berlusconi a 360°
    Berlusconi (LaPresse / Roberto Monaldo)
  • LaPresse/Mourad Balti Touati
  • Berlusconi Yonghong Li
    Berlusconi (Piero Cruciatti / LaPresse)
  • Gian Mattia D'Alberto / LaPresse
  • Berlusconi (LaPresse - Spada)
  • berlusconi su allenatori
    LaPresse Torino/Marco Merlini
  • Salvini Juve-Milan
    LaPresse
  • LaPresse
  • LaPresse
  • LaPresse
  • LaPresse/Vincenzo Livieri
  • Berlusconi (Scrobogna /LaPresse)
  • berlusconi allenatore milan
/
CalcioWeb

Come annunciato ieri in un comunicato ufficiale, la cordata cinese ha reperito tutti i fondi necessari per portare a termine l’acquisizione del Milan. Il closing è quindi stato confermato per il 14 aprile. Il nuovo Milan, comunque, potrebbe vedere ancora la presenza di Silvio Berlusconi. L’ex Cavaliere, dopo qualche tentennamento, come riportato dalla ‘Gazzetta dello Sport’, sarebbe pronto ad accettare il ruolo di presidente onorario.

La proprietà cinese ha voluto però mettere le cose in chiaro: Berlusconi non avrà voce in capitolo riguardo al mercato e alle scelte di campo, nonostante l’attuale presidente rossonero abbia fatto pressioni per poter avere ancora potere decisionale.

Nuovo Milan, ecco come sarà il nuovo Cda

Il nuovo Milan, quindi, dovrebbe vedere Berlusconi come presidente onorario, Li Yonghong invece sarà vicepresidente esecutivo. Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli saranno rispettivamente l’amministratore delegato e il direttore sportivo.

Il nuovo Cda sarà invece composto da tre consiglieri cinesi e tre italiani: Mister Li, il suo braccio destro Han Li e il numero uno di Haixia, Lu Bo da una parte e Fassone, Roberto Cappelli dello studio legale “Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners”, e Marco Patuano, a.d. di Edizione Holding, dall’altra.

Condividi