Italia-Portogallo, Tavecchio a San Siro un anno dopo

Si sta giocando la gara valida per la Nations League tra Italia e Portogallo, un anno dopo la debacle contro la Svezia azzurri di nuovo a San Siro, presente anche Tavecchio: “Torno qui sereno, per incoraggiare l’Italia – ha detto prima della partita con il Portogallo -. Il mio apporto non mancherà mai. Ho la Nazionale nel cuore, mi sono dimesso per amore della Nazionale. Non si è dimesso nessuno, qualcuno doveva prendersi la responsabilità. Abbiamo avuto un post Mondiale drammatico. Il commissariamento? Non servono considerazioni, basta vedere i fatti. Dopo i Mondiali si è aperta una apocalisse che non si è chiusa come pensavo si chiudesse. Mancuni? È una scelta coraggiosa, intelligente e con rischio. Oggi è una partita da tre punti ma lui mette in campo i giovani. Un conto sono le amichevoli e un conto i tre punti. Oggi conta vincere. Le 4 squadre in Champions è una fortuna che ho avuto grazie ai rapporti con Ceferin, un riconoscimento all’atteggiamento dell’Italia in un momento non facile. Anche le dichiarazioni della FIFA sul VAR, le finali dell’Europei Under 21 e le iniziative sul calcio femminile che io ho proposto 4 anni fa”. 

SCARICA GRATIS L’APP DI CALCIOWEB PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO IN TEMPO REALE

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE SU CALCIOWEB