Eto’o, l’sms di Materazzi, il francese di Moratti e l’addio con Guardiola: “Mi ha deluso”

Samuel Eto'o, a distanza di 10 anni dal Triplete nerazzurro, racconta i retroscena sui primi contatti con l'Inter e sull'addio con Guardiola

10 anni fa il Triplete con l’Inter. Tra i protagonisti di quella impresa tutta nerazzurra ci fu Samuel Eto’o, al primo anno in Italia. Il camerunense ha parlato in esclusiva a Gazzetta dello Sport, svelando alcuni aneddoti.

Il mio primo contatto con l’Inter? Fu con quello che sarebbe diventato mio fratello Marco. La storia del suo sms si conosce: un certo Materazzi mi scrive ‘Se vieni tu all’Inter vinciamo tutto’, non ho quel numero in rubrica e chiedo ad Albertini: ‘È suo?’. Era il suo. Una cosa del genere non mi era mai successa in tutta la carriera: quel messaggio ha avuto un grande peso nella mia scelta. E ha fatto nascere una grande amicizia. Quando mi chiamò Moratti? Il presidente mi chiamò poco dopo e in un francese perfetto mi disse: ‘Eto’o, si fidi: lei all’Inter si troverà benissimo, diventerà come casa sua’. Aveva ragione”.

Poi un passaggio su Guardiola e l’addio al Barcellona: Deluso da lui? Sì, ma in realtà mi ero già lasciato tutto alle spalle: sapevo che avrei dovuto andarmene, stavo già parlando con diversi club, ma quel messaggio di Materazzi rallentò qualsiasi altra trattativa in corso. Sentii che era l’Inter la strada giusta”.

La lettera di Massimo Moratti ai tifosi dell’Inter: “siamo degli innamorati. Bojan e quella fitta al cuore…”

“Lui il più talentuoso africano? Forse aveva bevuto, nemmeno Drogba al mio livello”: Eto’o risponde a Diouf