Milan, Pioli è il primo tassello per tornare grande: ecco perché è una scelta strategica molto importante

Il Milan ha deciso (giustamente) di confermare l'allenatore Stefano Pioli. SI tratta di una scelta che può permettere di iniziare un progetto

Questa volta il Milan ha fatto la scelta giusta, dopo i tanti dubbi legati alle passate gestioni dei rossoneri. E’ arrivata la decisione più logica: quella di confermare Stefano Pioli in panchina. L’allenatore ex Fiorentina ha meritato (sul campo ma anche con un atteggiamento da signore che difficilmente si vede nel calcio moderno) di far parte del futuro di un club così glorioso. Affidare il compito a Rangnick (è sicuramente un bravo manager, non mettiamo in dubbio le sue qualità) sarebbe stato un salto nel vuoto, sia per il modo di pensare e di mettere in campo la squadra dal tedesco, sia per alcune scelte di mercato che avrebbero garantito l’arrivo di calciatori stranieri poco funzionali al progetto. Adesso l’intenzione è quella di puntare su giocatori giovani e italiani, in grado di crescere con Pioli.

US Sassuolo v AC Milan
Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images

La squadra adesso ha preso fiducia, il gruppo ormai si conosce a meraviglia e rappresenta il giusto mix tra giovani ed esperti. Donnarumma è giovane, ma in campo è un veterano come dimostrano le 200 partite già disputate, Theo Hernandez si è confermato uno dei migliori nel suo ruolo, il centrocampo si integra bene, poi in attacco c’è Ibrahimovic che a quasi 39 anni ancora sposta gli equilibri, decisivo Rebic. Ci sono, dunque, le basi per programmare al meglio il futuro. La prossima sessione di mercato sarà decisiva, la squadra ha dimostrato di poter lottare per programmi ambiziosi, con due-tre innesti di categoria si può pensare di alzare ulteriormente l’asticella. E’ stato deciso di ripartire anche da Maldini, la sua figura di interlocutore tra squadra, dirigenza e allenatore sarà fondamentale, più le competenze sul mercato.

Pioli, la scelta strategica del club rossonero

Pioli
Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images

Il Milan, confermando Pioli in panchina, ha fatto una scelta strategica molto importante. Nel passato sono stati commessi tanti errori e, adesso, qualcosa è cambiato. I rossoneri hanno deciso di dare continuità ad un progetto, a prescindere dalla capacità economiche del club che ancora non sono al livello delle principali potenze internazionali. Ma ha messo le basi per programmare il futuro e raggiungere alti livelli. Pioli rappresenta il primo tassello per tornare grande, la squadra è giovane e l’ex Fiorentina è il giusto maestro per garantire una crescita graduale. Anche nelle ultime stagioni il Milan ha avuto ottimi allenatori, da Mihajlovic a Gattuso, ma ha deciso di interrompere il percorso sul più bello. Adesso, finalmente, qualcosa è cambiato. Come ribadiamo da tempo su CalcioWeb, il Milan ha fatto bene a premiare il lavoro dentro e fuori dal campo, un lavoro straordinario che porta il nome e cognome di Stefano Pioli. E la prossima stagione sarà di nuovo Vecchio Diavolo, quello in grado di mettere timore a qualsiasi squadra. Gli obiettivi saranno più chiari entro i prossimi due mesi, ma con Pioli il club è in mani sicure.