Le rivelazioni su Sarri, parla il suo migliore amico: “Higuain è come un figlio. Guardiola? Sono molto amici”

Il migliori amico di Maurizio Sarri, Aurelio Virigili, ha parlato del tecnico della Juventus, rivelando anche qualche interessante aneddoto

Rivelazioni su Sarri. Sulle colonne di TuttoSport, intervista al miglior amico del tecnico della Juventus, Aurelio Virigili: “Tre giorni fa – dice – ho telefonato a Maurizio per capire un po’ della positività di Rugani al Coronavirus e in generale per sapere come stava lui. L’ho trovato di buon umore. A Maurizio manca il quotidiano, l’allenamento: sono linfa vitale per lui. Però la situazione è questa, siamo tutti in casa a fronteggiare l’emergenza Coronavirus che adesso è la priorità. Così anche lui, come tutti noi, si concentra sul lavoro che può svolgere da casa: riguarda partite, allenamenti, studia i dati dei giocatori. E’ un computer”.

Poi svela qualche aneddoto: “Mi ha raccontato tante volte che Higuain, che è come un figlio per lui, se la squadra è divisa in gruppi vuole sempre che sia Maurizio a fargli allenamento. Come i bambini: ci tiene, gli vuole bene, lo vuole con sé. Lui e il Pipita hanno un rapporto speciale. Ma in generale, fatta eccezione per Emre Can alla Juventus e Gabbiadini al Napoli, che si lamentavano perché non giocavano, mediamente gli altri giocatori gli vogliono bene e lo stimano, soprattutto perché Maurizio è uno che dice le cose in faccia”.

Guardiola? Sono molto amici, lui e Pep. Si parlano e ogni tanto si incontrano anche. L’anno scorso hanno sorriso entrambi ben sapendo quello che sarebbe accaduto. Hanno un bel rapporto, non c’è rivalità fra loro”.

Sebastien Frey, dalla decennale esperienza in Serie A alla malattia che rischiò di farlo morire

Cassano: “State a casa e fate figli, sennò ne usciamo nel 2040. Ecco il colpo del futuro, un Kakà di 20 anni”