Cagliari, Giulini tuona: “In Sardegna spiagge piene e poi dobbiamo tenere chiusi gli stadi”

Il presidente del Cagliari, Tommaso Giulini, tuona per quanto riguarda la riapertura degli stadi: "Oggi in Sardegna spiagge piene e poi..."

Il presidente del Cagliari, Tommaso Giulini, parla della ripresa della Serie A, dicendosi preoccupato della quarantena di gruppo, difendendo Gravina e scagliandosi contro chi non vuole aprire gli stadi. Queste le sue parole a ‘Radio Anch’io Sport’.

“Ci preoccupa il fatto che, in caso di calciatore positivo, tutta la squadra verrà messa in quarantena. Questo vuol dire mettere a serio rischio la fine del campionato. Non capisco il senso di questa cosa. Se si riparte lo dobbiamo al presidente Gravina e, prima di criticare un algoritmo, cerchiamo di capire bene di cosa si tratta. Abbiamo l’opportunità di andare verso un calcio più umano, dobbiamo far riaffezionare i tifosi. Il valore dei cartellini è sceso, non quello dei contratti. Dovremo andare in questa direzione”.

“Già oggi le spiagge in Sardegna sono piene, abbiamo tanti spazi chiusi dove sarà fortunatamente possibile accedere, invece la Sardegna Arena che è per 3/4 è scoperta non possiamo pensare che a luglio sia aperta magari del 30-40 o 50%, credo che questo sia assurdo. Non sappiamo come e quando sarà possibile il ritorno dei tifosi allo stadio, lo vedo molto lontano e questo mi preoccupa. E’ difficile prevedere quali saranno le normative ed è un peccato, fin da oggi dovremmo pensare, dal governo in giù, a come programmare una riapertura degli impianti. Pensare a riapertura a fine luglio sembra una chimera e questo è allucinante. Oggi vorremmo vedere i tifosi andare allo stadio e non solo in spiaggia o a teatro”.

Tavecchio: “Credo che, una volta ripreso il campionato, si potrà andare in 20000 in uno stadio da 40000”

Riapertura stadi in Italia, non solo Agnelli: “I club chiedono ingressi tra il 10 e il 25% per metà luglio”

Juventus, Agnelli ‘chiama’ il Governo: “a luglio mi aspetto una prima apertura parziale degli stadi”

Calcio italiano, la prossima sfida: i tifosi allo stadio