Ripescaggi Serie B e Serie C: tanti club sull’orlo del baratro tra problemi economici, stadio e scandalo scommesse

Ripescaggi Serie B e Serie C, la situazione in vista della prossima stagione. Tanti club rischiano di non iscriversi al campionato

RIPESCAGGI SERIE B E SERIE C – Il campionato di Serie C è andato in archivio, dopo lo stop forzato per l’emergenza Coronavirus si è deciso di concludere la stagione con playoff e playout. In Serie B, invece, si è continuato a giocare con tutte le giornate, si è da poco conclusa la regular season ed è quasi tutto pronto per l’inizio di playoff e playout. Sono retrocesse in C Livorno, Juve Stabia e Trapani, ma i verdetti non possono essere ancora considerati definitivi. Il motivo? C’è ancora in ballo un ricorso presentato dal Trapani contro i due punti di penalizzazione inflitti per il ritardo del pagamento degli stipendi di febbraio, anche con un solo punto restituito il club siciliano si giocherebbe il playout, con due potrebbe addirittura salvarsi direttamente. La decisione è prevista per l’8 agosto, è complicato fare delle previsioni, secondo le ultime indiscrezioni difficile aspettarsi lo sconto due punti, si gioca tutto su un punto di sconto oppure sulla conferma dei due punti di penalizzazione.

RIPESCAGGI SERIE B

San Nicola
Stadio San Nicola (Bari, 58270) Photo by Maurizio Lagana/Getty Images

In Serie B non dovrebbero esserci grossi ribaltoni. Si è parlato frequentemente di un possibile ripescaggio in Serie B del Bari, al momento le possibilità sono vicine allo zero. In primo luogo perché, nonostante qualche problema economico dovuto al Coronavirus, tutti i club dovrebbero garantire l’iscrizione. Sono circolate voci su qualche problema per Livorno, Juve Stabia o lo stesso Trapani, ma si tratta di club che sono retrocessi e che non libererebbero un nuovo posto. In Serie B, dunque, dovrà essere solo definitivo l’organico delle squadre partecipanti, con l’unico punto interrogativo dovuto alla situazione del Trapani. In ogni caso, con una defezione il regolamento stabilisce la priorità alle riammissioni, poi gli eventuali ripescaggi.

RIPESCAGGI SERIE C

Ben più calda, invece, la situazione nel campionato di Serie C. La giornata di domani (4 agosto) sarà fondamentale per decidere i criteri di riammissione e ripescaggi. Sono diversi, infatti, i club sull’orlo del baratro. La terza categoria italiana deve fare i conti con gravi problemi dal punto di vista economico, che si sono accentuati dopo la pandemia. Il campionato ripartirà il 27 settembre, mentre per l’iscrizione il termine perentorio è quello del 5 agosto, per le squadre retrocesse è stata concessa una deroga. Dovrà essere presentata la tassa d’iscrizione di 60.000 euro, più una fideiussione da 350.000 euro: è proprio quest’ultimo l’ostacolo più grande da superare per i club. Il Campodarsego, squadra che ha vinto il girone in Serie D ha già annunciato che non riuscirà ad iscriversi in Serie C, grossi problemi in casa Teramo come confermato dal patron Franco Iachini, al momento la partecipazione al prossimo campionato è lontana. Situazione da seguire con attenzione anche per l’Arezzo, ci sono i soldi per la fideiussione ma dovrà risolversi entro il 5 agosto la situazione degli stupendi, tutte le mensilità dovranno essere pagate, altrimenti addio iscrizione, servono circa 200mila euro. Sospiro di sollievo in casa Catania dopo il passaggio di proprietà. Con il fiato sospeso i club in trattativa per la cessione societaria: Siena, Livorno e Pro Vercelli, per quest’ultima la situazione sembra più tranquilla con l’iscrizione garantita e poi il cambio di proprietà. Corsa contro il tempo per il Potenza, il presidente Caiata ha lasciato e al momento non ci sarebbero trattative in ballo. Alza bandiera bianca la Sicula Leonzio, nonostante la salvezza raggiunta sul campo. La Turris dovrà trovare uno stadio, negli ultimi giorni sono stati effettuati dei passi in avanti, le partite dovrebbero giocarsi ad Avellino, ma ancora la soluzione non è definitiva.

Infine c’è la situazione spinosa legata alla combine tra Picerno e Bitonto del 5 maggio 2019. Il Bitonto ha festeggiato la promozione in Serie C, ma rischia la retrocessione d’ufficio. In questo caso a beneficiarne sarebbe il Foggia, arrivato secondo nel proprio girone di Serie D. Il club pugliese sarebbe comunque in corsa per il ripescaggio. Questa sarebbe la graduatoria delle seconde classificate: Ostiamare, Savoia, Foggia, Campobasso, San Nicolò Notaresco, Monterosi, Prato, Legnano, Fiorenzuola e Legnago. Il 5 agosto i primi verdetti, poi corsa riempire i posti lasciati vuoti.

–> ULTIM’ORA, LA SITUAZIONE AL GONG

Fine dei giochi per tre squadre del campionato di Serie C che non sono riuscite ad iscriversi al prossimo torneo: si tratta di Campodarsego (la notizia era stata già comunicata da tempo), più quelle dell’ultim’ora che sono Siena e Sicula Leonzio. Al posto del Campodarsego verrà riammesso il Legnago, secondo classificato nel girone mentre dovrebbero essere Giana Erminio e Ravenna le squadre promesse al posto di Siena e Sicula Leonzio.

Ripescaggi Serie C, i criteri per le riammissioni: arriva il gong, le squadre escluse e quelle pronte al salto

Ripescaggi Serie C e gong iscrizioni, la situazione: nubi all’orizzonte per Siena e Sicula Leonzio