Juve, parla Agnelli: il suo intervento sul futuro di Sarri, Ronaldo e la dirigenza

Al termine di Juventus-Lione, costato l'eliminazione ai bianconeri, ha parlato il presidente Andrea Agnelli: ecco cosa ha detto sul futuro

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato ai microfoni di Sky nel post gara che ha visto la sua squadra salutare la Champions League per via dell’eliminazione contro il Lione. Queste le sue parole.

“La Champions League è stata deludente per noi, i tifosi e i giocatori. Se prima avevamo un sogno, ora abbiamo un obiettivo, e dev’essere la Champions. Uscire così ci deve lasciare delusi, ci prenderemo qualche giorno per fare valutazioni in vista della nuova stagione per un rinnovato entusiasmo”.

Valutazioni anche sull’allenatore? Sì, certo. Faccio un discorso di società, la Juve ha obiettivi che devono essere onorati sia in casa che all’estero. Abbiamo grandi giocatori, il migliore della storia della Champions. Si deve ripartire con un rinnovato entusiasmo, senza dare per scontato ciò che avviene in Italia. Ogni scudetto ha sempre dinamiche diverse”.

“Il bilancio di una stagione sportiva si fa tutti insieme, un’analisi completa con allenatore e staff. Non può essere unidirezionale guardando solo a ciò che non è andato, ma anche a ciò che è andato. Dobbiamo fare delle valutazioni basandoci sull’entusiasmo per ripartire con la nuova stagione. Quella appena finita è stata durissima. Tra qualche settimana si riparte da zero, sempre con la stessa voglia di vincere”.

“Abbiamo avuto cambi all’interno dello staff, abbiamo sistemato qualcosa dopo aver sentito spesso dire che avevamo la rosa più vecchia d’Europa. Non dimentichiamoci che abbiamo vinto 9 scudetti di fila, faccio anche fatica a pronunciare una cosa del genere. Tutto il resto sono considerazioni, nostre qui in studio o al bar. 

“L’articolo di Ronaldo di France Football? Cristiano rimane un pilastro della Juventus. L’intervista è di diversi mesi fa ma guarda caso è stata pubblicata alla vigilia di un suo match contro dei francesi. Anche nel vostro mondo, intendo in generale, ci sono a volte delle malizie”.

“Giorni fa ho fatto i complimenti a Nedved, Paratici e Cherubini. Confermo il loro grande affiatamento e la loro grande capacità di gestire il momento. Mi tengo molto stretto questo gruppo dirigenziale”.

Juventus-Lione, Sarri perde le staffe nel post-partita: “fossi nei dirigenti interverrei…”

Juve, che confusione: Bonucci “la spara”, Pjanic lo “smaschera”

“Mi sono vergognato per Higuain”, “le strade con Sarri si possono dividere”: alta tensione in casa Juve

Juventus-Lione 2-1, le pagelle di CalcioWeb: Ronaldo come Copperfield, Bernardeschi smemorato di Collegno [FOTO]

Un arbitro inadeguato condanna la Juventus: non basta la vittoria contro il Lione, bianconeri eliminati [FOTO]