La Lega: “Lazio-Torino si gioca”. Cairo: “una decisione che si commenta da sola”

Il presidente del Torino Urbano Cairo non le manda a dire. Nel mirino la decisione della Lega per la sfida di campionato contro la Lazio

Continua il caso sulla partita della 25esima giornata del campionato di Serie A tra Lazio e Torino. L’Asl ha bloccato la partenza della squadra di Davide Nicola a causa di alcuni casi di Coronavirus, addirittura 8 calciatori. La Lega Serie A invece ha confermato la partita alle 18.30 di martedì, ma il club granata non si presenterà. Si tratta di un caso simile a quello di Juventus-Napoli, dopo una serie di ricorsi la squadra di Gennaro Gattuso ha ottenuto la possibilità di disputare il match, l’iter per Lazio-Torino sarà con ogni probabilità uguale con la partita che dovrà essere recuperata probabilmente tra qualche settimana.

Lazio-Torino, la furia di Cairo

Cagliari Torino
Foto di Fabio Murru / Ansa

La scelta della Lega Serie A di confermare la partita nonostante la situazione complicata in casa Torino ha fatto infuriare il presidente Cairo che ha commentato duramente. E’ una decisione che “si commenta da sola”. E’ quanto dichiarato dal numero uno granata al telefono con l’ANSA. “Io non credo che il calendario del campionato di serie A si difenda ignorando le realtà oggettive”. La squadra granata non è scesa in campo nemmeno nella sfida contro il Sassuolo e con ogni probabilità sarà costretta a recuperare due partite, sicuramente quella contro i neroverdi. Il Torino è in lotta per la salvezza, è reduce da una serie di risultati utili consecutivi ma i tanti impegni ravvicinati potrebbero condizionare il rendimento della squadra.

Lazio-Torino, Gravina: “c’è un’oggettiva impossibilità di disputare la gara”