Il futuro di Pioli e l’annuncio su Leao: l’ad Furlani allo scoperto sul Milan

Il Milan si prepara per la partita di campionato contro la Fiorentina, indicazioni anche sul futuro di Pioli

CalcioWeb

Si torna in campo in Serie A e per il Milan è vigilia di campionato. La squadra è in campo per preparare la delicata trasferta contro la Fiorentina con il chiaro obiettivo di consolidare il secondo posto alle spalle dell’Inter. A tenere banco è anche il futuro del tecnico Stefano Pioli.

“Pioli al Milan ha una storia decisamente positiva, ha riportato la squadra in Champions e ha vinto lo scudetto. Spesso viene criticato ma ha fatto risultati importanti. Nessuno dalla società ha mai parlato di panchina a rischio”. Sono le dichiarazioni dell’ad Giorgio Furlani in una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport.

Sul futuro di Leao: “Rafa ha una clausola rescissoria da 175 milioni ma prima ancora ha il desiderio di restare al Milan. Qui sta benissimo, dovrebbe essere lui a chiederci di voler andare ma non vuole proprio. Lunga vita a Leao al Milan”.

“Theo e Maignan? Hanno un contratto fino al giugno 2026, sono due campioni, speriamo restino con noi il più a lungo possibile e facciano ancora la differenza”, dice ancora Furlani. Infine un commento su Zlatan Ibrahimovic: “il mio rapporto con Ibra è fantastico. Siamo complementari, lui è uomo di campo, io un manager. Sul mercato Ibra sceglierà i giocatori e io definirò l’aspetto contrattuale? Non scordiamo Moncada: Geoffrey è il numero uno”.

Pioli sul futuro

“Comincia il periodo decisivo della stagione, dobbiamo preoccuparci di giocare il miglior calcio possibile, far salire di livello le nostre prestazioni per raggiungere i migliori risultati possibili. Ci aspettano due mesi molto importanti”. Sono le parole di Stefano Pioli.

“Ci sono 10 partite di campionato e speriamo 5 di Europa League, sono tutte importanti, a partire da quella di domani. Ci sta che si parli di futuro ma io non devo pensare all’anno prossimo, devo pensare a fare il meglio possibile per rendere questa stagione la migliore possibile. Poi a fine stagione potremo dire cosa abbiamo fatto e cosa mi piacerebbe fare il prossimo anno”.

Condividi