“Orge? C’erano sempre tante ragazze”, poi i retroscena sul Real Madrid e Bielsa: Crespo a ruota libera

L'ex attaccante argentino Hernan Crespo si racconta senza peli sulla lingua: dal rapporto con le donne a quello con Bielsa in Nazionale

“La verità è che è ho debuttato nel calcio che conta a 18 anni e ho conosciuto mia moglie quando ne avevo 27. Non ho mai presentato una fidanzata a casa. Ero single, famoso, giovane e facevo il calciatore. E quand’è così sfrutti determinati privilegi. Ho fatto tantissime cose, non mi sono fatto mancare nulla. Orge? C’è poco da spiegare, c’erano sempre tante ragazze…”. Hernan Crespo a ruota libera. L’ex attaccante di Parma, Lazio, Inter e Milan si racconta in un’intervista a ‘Marca’ in cui svela anche alcuni retroscena sulla sua vita extra campo, come il suo rapporto con le donne prima di conoscere l’attuale moglie.

L’argentino è stato due volte vicino al Real Madrid, ma il trasferimento non si è mai concretizzato: “Nel 2002 giocavo con la Lazio e il Real Madrid doveva scegliere tra me e Ronaldo – riporta ‘Il Posticipo’ – Hanno preso lui e io l’ho rimpiazzato all’Inter. Ma se Ronaldo fosse rimasto a Milano, io sarei finito al Real. La seconda volta è stata nel gennaio 2009, la prima stagione di Mourinho all’Inter. Mi ha cercato il Real, ma mi offrivano soltanto un contratto di sei mesi perchè erano previste le elezioni. E io ho detto di no”.

Poi il rapporto con Bielsa in Nazionale nel Mondiale 2002: Non voleva far giocare assieme me e Batistuta, non ci ha mai provato. All’inizio quello che doveva giocare ero io. Sono stato titolare fino all’ultimo allenamento, poi arriva la prima partita del mondiale contro la Nigeria e Marcelo mette Batistuta. Io di più non potevo fare…”.

“Ho 300 milioni e un’isola, non ho bisogno di questo. Il primo che parla lo ammazzo”: la sfuriata di Ibra

“Venga mister. Qui ci sono io e partiamo sempre da 1-0”, il retroscena di Sacchi su Maradona

“Ansiolitici dopo Istanbul. L’incidente all’impianto elettrico di Marsiglia non casuale”: l’ex Milan confessa

“Con Baggio ci odiavamo, a van Basten urlai ‘coniglio’! Careca mi massacrò”: l’ex difensore senza filtri