Luis Boa Morte, dal nome malaugurante a quel rigore particolare [VIDEO]

Si rinnova il classico appuntamento con la nostra rubrica "L'uomo del giorno". Protagonista di oggi è Luis Boa Morte, ex calciatore portoghese

Luis Boa Morte Pereira compie 43 anni. Nato a Lisbona, ha militato in diverse squadre e in tanti campionati: Sporting Lisbona, Arsenal, Lourinanense, Southampton, West Ham, Larissa, Orlando Pirates e Chesterfield. La squadra alla quale è più legato è il Fulham, con cui ha giocato oltre 200 partite, segnando 44 gol. Per Boa Morte anche 28 presenze con la nazionale portoghese. Dal 2013 allena. Inizi con le giovanili del Fulham, poi con lo Sporting Lisbona, la Sintrense, la Portimonense Under-23. Ha ricoperto anche il ruolo di vice-allenatore dell’Everton.

Ai tempi degli Orlando Pirates, in Sudafrica, vigeva la regola di non portare cellulari sul pullman della squadra per evitare distrazioni. Tutti seguivano rigidamente la norma, eccetto Boa Morte. Per il portoghese non aveva senso una regola del genere.

Il nome non è ben augurante. Boa Morte, “buona morte”, alle origini indicava in portoghese le esecuzioni capitali. Oggi, invece, è sinonimo di eutanasia. Durante una partita di beneficenza organizzata da Luis Figo tra “Gli Amici di Figo” e il Deportivo Anzoátegui, squadra venezuelana, Boa Morte ha messo a segno un rigore particolare. In basso il VIDEO.