L’ira di Ibra si abbatte sui compagni!

Zlatan Ibrahimovic non è uno che ama perdere: non lo è mai stato e mai lo sarà. Al punto che, quando le cose non vanno a dovere, si imbufalisce parecchio, facendo tremare anche i muri dello spogliatoio. Provate a chiedere a Sokratis Papastathopoulos, suo compagno ai tempi del Milan. Ed a proposito di compagni, Ibra li ha attaccati pesantemente a fine primo tempo dell’ultimo match di campionato giocato contro il Troyes.

A fine primo tempo il Paris Saint Germain era in vantaggio di un goal a zero, con una prestazione mediocre, a fronte di una squadra nettamente inferiore. Da lì è partita l’ira dello svedese che, rivolgendosi al resto della truppa, ha così parlato: “Anche mio figlio gioca meglio di voi“. La scossa, col senno di poi, ha dato i suoi frutti, considerato che il match si è concluso sul risultato di 4 a 0.

E tuttavia, la maggior parte del lavoro se l’è sobbarcato proprio l’ex attaccante di Milan e Barcellona, autore di due segnature e due assist. A fine incontro Zlatan ha chiesto scusa ad Ancelotti, che non si è fatto problemi nell’accettare il pentimento del giocatore. La recente eliminazione subita però in Coppa di Lega, contro il Saint Etienne, pare aver mandato di nuovo a terra l’umore di Ibrahimovic, che sarebbe delusissimo, in particolare, dello scarso stato di forma di Lavezzi.