Mondiali 2018, notte di festa in Croazia

CalcioWeb

In Croazia si è festeggiato tutta la notte dopo la vittoria sulla Russia ai Mondiali. Un intero Paese ora sogna, la gioia è esplosa irrefrenabile e migliaia di persone hanno invaso strade e piazze delle principali città. In un mare di bandiere nazionali, tra cori festanti e fumogeni, da Zagabria a Spalato, da Osijek a Zara a Dubrovnik e alle spiagge della Dalmazia la folla ha celebrato la qualificazione alle semifinali, la seconda volta dopo quella ai Mondiali di Francia dove la Croazia fu terza. Alla festa non si è sottratta la presidente Kolinda Grabar-Kitarovic, che dopo aver assistito in tribuna con una maglietta a scacchi biancorossi alla spasmodica conclusione dei calci di rigore accanto a uno sconsolato premier russo Dmitri Medvedev, è andata a congratularsi con la squadra nello spogliatoio. “Ora vogliamo andare ora fino in fondo”, ha detto lo juventino Mandzukic. I media sottolineano al tempo stesso il pianto liberatorio del ct Dalic dopo i rigori.

Condividi