Tommasi: “Mi aspetto un inizio regolare della Serie C, ma ci sono state vicende non belle”. E su De Rossi…

il presidente dell'Assocalciatori, Damiano Tommasi, a margine delle celebrazioni per i 60 anni della serie C, ha parlato del campionato e di De Rossi

“Mi aspetto un inizio regolare dei campionati di Serie C“. A dirlo è Damiano Tommasi, presidente AIC, a margine della conferenza per i festeggiamenti dei 60 anni della Lega Pro. “Purtroppo anche quest’anno ci sono state vicende poco edificanti ed ancora da dirimere – aggiunge Tommasi -. Speriamo che il campionato possa iniziare regolarmente con le 60 squadre, e che possa essere un campionato avvincente e che possa dare anche al calcio italiano giovani in prospettiva da utilizzare anche nei campionati superiori”. “Il ruolo della serie C – prosegue Tommasi – è anche quello della formazione dei giovani, cosa che negli anni si è un po’ persa. L’obiettivo della nuova serie C è quello di puntare sul proprio bacino, sui nostri vivai nazionali ed incentivare anche nelle realtà della serie C l’utilizzo dei giovani, fatti in casa, seguendo un criterio che è quello che abbiamo sempre difeso da calciatori e da rappresentanti dei calciatori, che è la meritocrazia”. 

Se dovesse dare un consiglio a Daniele De Rossi, Damiano Tommasi gli direbbe “di non far decidere agli altri quando smettere. Daniele sa quanta voglia e quanta passione ha per questo sport, e sicuramente ci sono piazze che possono dargli motivazioni ulteriori per poter continuare. Però poi io ho un pensiero tutto mio, e me lo tengo per me”.  Sul giocare con una maglia diversa da quella della Roma: Una diversa l’ha già vestita e cioè quella della Nazionale, quindi… Ci sono giocatori che vanno anche al di là della maglia perché per il calcio è sempre un piacere vederli in campo”.